?

Log in

No account? Create an account
 
 
06 February 2014 @ 09:26 pm
[Supernatural] In the eyes of a child  
Characters: Castiel; Sam Winchester; Dean Winchester;
Pairing: Sam x Castiel x Dean {wincestiel - platonic}
Rating: PG
Genre: Introspettivo; Triste; Fluff;
Words: 1337
Warning: slash; kids!verse; au {hogwarts!verse};
Prompt: Preveggenza
Disclaimers: I personaggi di Supernatural appartengono a chi di diritto, l'ambient di Harry Potter appartiene a J. K. Rowling.
Scritta per la Missione 2 del Cowt-4 @ maridichallenge


Accadde in una mattina colorata d'arancio e profumata d'autunno, poche settimane dopo aver festeggiato con placido entusiasmo il suo ottavo compleanno e aver ricevuto la sua prima scopa da adulto – una Scopalinda dal manico corto in legno di faggio, su cui aveva provato ad incidere il suo nome con un diffindo troppo debole, riducendolo ad uno sgorbio incomprensibile.
Fu in un giorno di fine ottobre, quando il freddo iniziava a bussare alle porte della Londra magica e della tenuta dei Novak, costringendolo sempre più spesso al chiuso, tra le pareti di una casa piena di servitù ma vuota di calore umano, che Castiel scoprì le sue doti di Divinazione.
In piedi su una seggiola del salotto, affacciato sul tavolo e con le mani protese alla sfera di cristallo che da sola occupava il centrotavola, adagiata tra le pieghe di seta viola di un cuscino, aveva voluto vedere da più vicino le volute di fumo magico che danzavano all'interno e che sembravano chiamarlo a loro. La prese in mano, come se gli fosse appartenuta da sempre e da sempre cercato tra le increspature della nebbia, dove un volto si mostrò ai suoi occhi.
Fu il volto di una madre che non era la sua a farsi avanti e c'erano lacrime sulle gote pallide e vetro negli occhi, che li rendeva immobili, senza vita, mentre onde bionde ne incorniciavano il volto sconosciuto.
A otto anni, non conosceva molto né della morte, né delle madri. Suo padre, con tono distante e la poca attenzione che era costretto a dargli quando il figlio gli si avvicinava troppo, gli aveva raccontato della tragedia che aveva spento sua madre; ma Castiel, nella sua innocenza di bambino, non aveva capito. Aveva creduto si fosse trattato di qualcosa di semplice e naturale, come una brezza marina arrivata a portarsi via la vita della donna, sfiorandola con mani gentili e consegnando lui tra le braccia di suo padre. Fino ai sei anni, aveva perfino ignorato il significato della parola mamma, sentendola per la prima volta dal figlio dei vicini, disperato perché sua madre si era dimenticata di comprare cioccorane e api frizzole.
Le mani – troppo piccole per reggere il peso di quella visione – si staccarono immediatamente dalla sfera, consegnandola alla gravità e al pavimento. Si infranse ai suoi piedi, in tanti lucidi frammenti trasparenti che riflettevano immagini di una casa sconosciuta in cui vivevano due bambini e un uomo che non sarebbe mai stato pronto ad affrontare la morte della moglie.
Il primo istinto fu quello di correre via, spaventato, nel tentativo di dimenticare quanto successo.
Suo padre non si era accorto di nulla, era stata la servitù a raccoglierne i cocci e buttarli via, lamentandosi del piccolo e della seccatura che aveva provocato loro, ma, prima che anche l'ultimo coccio fu raccolto, lui era tornato nel salotto per rubarlo, portandolo con sé nella propria stanza.
Dormiva da solo in un letto troppo grande per un bambino così piccolo, con pareti immacolate, lenzuola candide e libri di testo a riempire la scrivania, insieme ad una bacchetta che non era solito usare.
L'infantile curiosità lo aveva vinto e gli occhi blu avevano cercato impazienti altre immagini in quel pezzo di vetro.
Aveva rivisto la donna – viva, questa volta – i due bambini e l'uomo e aveva capito subito, sentendolo nel suo istinto di purosangue, che si trattava di una famiglia mezzosangue e che anche lui ne avrebbe voluta una identica, fatta di un fratello, un padre che avrebbe finalmente risposto ai suoi sguardi e una madre a cui porre tutte le domande che aveva sempre avuto e sempre taciuto. Sì, anche lui avrebbe voluto una madre, decise, mentre la guardava avvicinarsi in punta di piedi al figlio minore e sorrideva davanti alla meraviglia dei suoi enormi occhi, in cui l'ambra si tuffava in un mare smeraldino. Era stato come aprire una finestra su un giardino estraneo e spiare pezzi della loro vita, catturando la vista delle braccia sottili della donna mentre sollevavano il figlio maggiore e volteggiava insieme a lui nella grazia di una ballerina in un carillon, o sentendola raccontare storie della buonanotte seduta sul lettone dei due bambini.
L'aveva spiata baciare i capelli castani e scarmigliati del più piccolo e disegnare con l'indice lentiggini sul visetto paffuto del più grande e, pur sapendo di non poter essere udito, l'aveva chiamata, bisbigliando il suo nome come fosse un segreto.
Mamma...
Cercando in lei quella figura materna che mancava nella vita di Castiel, quel calore che, grazie alle sue visioni, aveva appena cominciato a conoscere ma che, inevitabilmente, svanì nella nebbia quando il vetro si bagnò delle lacrime dei bambini e dell'uomo e la famiglia cadde in pezzi, come la sfera di cristallo nel salotto di casa.
Quando il frammento di cristallo divenne inutilizzabile e le visioni smisero di fargli compagnia uscì dalla propria stanza, per cercare suo padre.
Di lui conosceva bene le spalle larghe, coperte dal mantello, in procinto di lasciare la tenuta e andare altrove, dove il dovere lo reclamava. Ed era proprio alle sue spalle che Castiel si ritrovava a parlare, le poche volte in cui prendeva coraggio per rivolgergli la parola e ricordargli la propria esistenza.
«Padre?» domandò piano, cercando un volto che non si girò verso di lui «Posso avere una nuova madre?»
Di quel giorno d'autunno, in cui le foglie cadevano sul tappeto ingiallito del prato, scrocchiando sotto il soffio del vento, Castiel ricordò il silenzio di suo padre ed il suo sguardo fisso, oltre i cancelli della tenuta. Ricordò di aver aspettato a lungo, pieno di un'aspettativa che gli gonfiava il petto di tanti se (e se non dovessi piacere alla mia nuova mamma? E se nemmeno lei mi guardasse? E se anche lei morisse? E se…) e di aver, infine, docilmente indietreggiato, un passetto alla volta.
Di quel giorno d'autunno, sotto un cielo colorato da bucce d'arancia e scorze di limone, Castiel ricordò le spalle di suo padre, il suo saldo silenzio e quanto sentisse la mancanza di una madre che non aveva mai neppure incontrato.

~

Nove anni dopo, nell'aula di divinazione, gli occhi che osservano la sfera di cristallo appena rubata dall'ufficio del professore Shurley sono diventati tre paia.
L'aula ha un aspetto inquietante durante la notte e le tende colorate, che danzano gonfiate dall'aria fredda che spira tra le pietre del Castello, somigliano a fantasmi giunti a dare l'allarme della loro presenza.
Dean spera di vedere l'esame di pozioni che lo attende in settimana, mentre Sam vorrebbe solo che il fratello smettesse di convincere Castiel a partecipare alle sue idee stupide.
«Allora, Cass, che cosa vedi? C'è possibilità che prenda un Eccezionale? Mi va bene anche un Oltre ogni previsione, non sono così schizzinoso.»
«E ti farebbe così schifo studiare per una volta, Dean? Tanto per fare qualcosa di diverso.»
«Tsk, non abbiamo tutti tempo da perdere come te, cervellone, ho una coppa del Quidditch da vincere, io
«Come se io, invece, non partecipassi al torneo…»
«Ah già, dimenticavo che gli standard dei corvi si sono abbassati quest'anno e accettano anche i troll.»
«Idiota.»
Dean ride sottovoce, Sam lo spintona e Castiel solleva gli occhi dalla sfera di cristallo, in cui le visioni si accalcano per mostrarsi a lui e parlargli di un futuro non del tutto deciso.
«Embè? Che hai visto?» Dean fa ricadere mollemente il braccio intorno alle sue spalle, con l'aria cameratesca di un principe leone a cui tutto è consentito.
Il tocco di Sam è più discreto, la sua mano sfiora quella dell'hufflepuff e quando Castiel se ne accorge, allunga le dita in quelle del ravenclaw.
«Sam ha ragione, dovresti studiare, Dean.»
«C'mon, Cass, neppure gli ingredienti del compito? Il nome della pozione? Gli effetti?»
Castiel scuote il capo e Dean si rassegna.
«Dude, te lo devo dire, sei una sega in divinazione.»
«Ma sta' zitto, Dean.» Sam rotea gli occhi al soffitto e Castiel sorride pacato, specchiando negli occhi il volto dei due fratelli.
Non è apparso alcun esame di pozioni nelle sue visioni, ma ha visto i volti di due bambini che credeva persi nella memoria dei suoi otto anni, li ha visti farsi adulti, intrecciare le loro vite con la sua e fargli dono del tepore di una famiglia vera.


Note: Seconda hogwartsverse per me. Se la prima era ambientata nella Londra Babbana durante l'adolescenza di Castiel, questa parte invece dalla sua infanzia, che è comunque ancora vaga perchè le idee stanno prendendo piede molto lentamente e in modo molto confuso. Non so perché ma in ogni universo possibile, nella mia testa, Castiel non ha avuto un'infanzia esattamente normale - in questo, di sicuro, no, perchè papà Novak è uno di quei padri assenti, non alla John Winchester che è impegnato a vendicare l'amore della sua vita o robe del genere, ma quasi. E' più come l'altro Padre Assente, quello che non si sa se esista, se ami i suoi figli, perchè non lo dica apertamente e perchè metta loro davanti solo difficoltà, pene, pianti e disperazione. Ecco, più quel genere, magari in chiave meno blasfema
 
 
Current Mood: blahblah
Current Music: Marry the night - Adam Lambert