?

Log in

No account? Create an account
 
 
29 January 2014 @ 10:41 pm
[Supernatural] Nothing to see  
Characters: Sam Winchester; Dean Winchester; John Winchester;
Pairing: Dean x Sam {weecest}
Rating: Nc-14
Genre: introspettivo
Words: 500
Warning: slash; incest; pre-season; underage {Sam ha 16 anni};
Prompt: I Didn't Just Kiss Her - Jen Foster;
Disclaimers: I personaggi di Supernatural appartengono a chi di diritto.
Scritta per l'attacco alla Catena degli Eremiti del Cowt-4 @ maridichallenge


I didn't just kiss her
We went all the way and I liked it
What's the point in trying to hide it?
You never know 'til you've tried it
Quando Sam prende posto sui sedili posteriori dell’Impala, lo sguardo è fisso alle proprie gambe; sono lunghe, sottili, dalla muscolatura ancora troppo da ragazzino che si perde nei vecchi jeans di Dean, troppo lunghi e troppo larghi per il più piccolo. Arrivano a coprirgli il paio di scarpe di tela che ha infilato al volo, mentre, quella mattina, si affrettava a recuperare i propri vestiti e scattare lontano dal letto di suo fratello, tuffandosi in doccia per fuggire allo sguardo severo di suo padre e al suo ordine di muoversi e risalire in macchina.
Le mani hanno trovato rifugio nelle tasche, le torturano tirandole con i pollici e graffiandone la stoffa ruvida fino a sentirla sfilacciarsi, in un vano tentativo di superare il rumore che sta provocando il proprio cuore.
Ha scoperto quella notte che può scandire i suoi battiti al ritmo di quello di Dean, come se fossero uno soltanto, come se fosse sempre appartenuto a suo fratello; è ai suoi tocchi che ha risposto, scoppiando ad ogni sua carezza e, se ora potesse parlare {O Dio, ti prego, non glielo permettere! Taci, taci, tacitacitaci!}, confesserebbe ogni loro bacio scambiato nel buio della stanza del motel, ogni sussulto dei loro corpi allacciati l'uno all'altro, ogni sussurro che la lingua di Dean gli ha riscritto sulla pelle e ogni gemito di cui si è riempita la propria bocca.
La portiera davanti sbatte, quando John prende posto al volante e accende il motore.
Solleva gli occhi allo specchietto retrovisore, sono duri e riflettono gli spettri della morte che ha visto durante gli anni della guerra e dopo, tra le pareti di casa, con la morte di Mary.
Sam si convince che sappia {papà sa sempre tutto, anche quando non sa niente} e che, per questo, non li perdonerà mai. Non li accetterà mai.
Si schiarisce la gola, indeciso sulla scelta di parlare o tacere, ma Dean si volta verso di lui e lo guarda con lo stesso sorriso con cui quella notte lo ha spogliato, bisbigliandogli contro l'orecchio quanto fosse bello e quanto lo desiderasse. Ha lo stesso sorriso affettuoso che gli ha mostrato cullandolo tra le braccia, dopo aver raggiunto l'orgasmo, cospargendogli la fronte di tanti piccoli baci schioccanti {sono qui, Sammy, nessuno mi allontanerà da te} finché non si è addormentato.
E Sam ricambia il suo sorriso, anche se le stazioni radio che si intervallano sotto le dita di suo padre, ronzano frasi a metà, per poi esplodere nelle note di I didn't just kiss her, che sembra cantare contro di loro in quella manciata di secondi – troppo, troppo lunghi – prima che la radio si sincronizzi su altro.
John mette in moto e Sam torna a respirare, dimenticando lo specchio retrovisore attraverso cui suo padre lo guarda e sa, sa cosa nascondono i suoi figli e tace, rigettando tutto tra braci di ricordi scomparsi, bruciati insieme alla madre dei suoi figli.
Lei avrebbe saputo cosa fare. Lei li avrebbe capiti.
John Winchester, invece, preferisce tacere e fingere che non ci sia nulla che valga la pena di capire.
 
 
Current Mood: exhaustedexhausted
Current Music: Imagine - John Lenon