?

Log in

No account? Create an account
 
 
20 February 2014 @ 08:19 pm
[Supernatural] The second star to the right  

Characters: Sam Winchester; Castiel; Dean Winchester { nominated };
Rating: PG
Genre: Fluff
Words: 2.053
Warning: slash; au {hogwarts!verse};
Prompt: Supernatural!au
Note: E' buffo, perchè nella mia testa la sastiel è più angst che fluff... ma sarà l'ambient di Harry Potter che mi ispira tanto coccolume tra 'sti due. Non lo so, fingerò che sia così e, prima o poi, mi impegnerò per scrivere qualcosa che aggiunga lacrime e dolore, perchè una vita troppo facile e un mondo che ti sorride (?) non fanno assolutamente per me.
Ormai ho imparato a scriverlo, quindi ecco qua: la coppia come si può leggere dalla seconda riga dall'alto è una Sastiel, questo che significa? Che se vi fa schifo non me ne frega niente e non voglio manco saperlo, grazie. E sì, io Cass, lo scrivo con due S. Sono una persona orribile e andrò all'inferno, but still.
Ah, per chi dovesse chiederselo: Gabriel è slytherin, ultimo anno pure per lui.
Disclaimers: I personaggi di Supernatural appartengono a chi di diritto, l'ambient di Harry Potter appartiene a J. K. Rowling.
Scritta per la 6° settimana del Cowt-4 @ maridichallenge

Castiel Novak è ancora il ragazzino giovane e inesperto che stropicciava gli occhi con sorpresa, davanti ai videogiochi babbani della collezione di Dean e che con un colpo di bacchetta ha fatto fuori la televisione del salotto dei Winchester, durante la sua prima partita di Call of Duty. Ha diciassette anni sulle spalle, sette dei quali passati a farsi chiamare tassofesso dagli slytherin ed evitare di finire appeso da un Levicorpus al soffitto della Sala Grande, tra le risate di ragazzi che alle volte sanno essere crudeli.
Castiel non è nessuno. Non ancora. Ma, quando vola, è invincibile.
Sbocciano ali invisibili dietro la sua schiena. Non è solo veloce – perfino ora che cavalca una Scopalinda passata di moda e trovata negli spogliatoi di casata – è un’aquila tornata nel suo habitat naturale, fatto solo per giocare con il vento, che lo spinge scherzosamente, lo accarezza con affetto, gli bisbiglia alle orecchie e lo accompagna ovunque voglia.
In questi momenti, con gli occhi chiusi e la sensazione di libertà che gli scoppia nel petto, riesce a capire perfino come deve sentirsi Dean ogni volta che vince in un duello, ogni volta che l’intero Castello lo acclama come eroe: Re del mondo.
Sorride, riaprendo gli occhi dello stesso colore del cielo di mezzogiorno, per lasciarsi cadere in picchiata e guardare il terreno aprirsi sotto di sé.
L’erba del campo, scurita dal buio della sera, si avvicina velocemente, adrenalina e sangue gli scorrono nelle vene e, a pochi istanti dallo schianto, le dita stringono più forte il manico della scopa, risollevandola. Salvo. Adagiato con eleganza sul terreno, leggero come le piume delle ali di un angelo.
«Un giorno dovrai dirmi il tuo segreto, Cass.»
Non si sorprende nell’udire la voce di Sam farsi strada tra i fischi del vento che, a terra, si cheta, tornando a nascondere la sua intima amicizia con l’hufflepuff. La accoglie con un’occhiata curiosa, di chi non riesce mai a cogliere completamente le diverse sfumature dell’animo umano.
Avanza verso il ragazzo più giovane, trascinandosi dietro la scopa.
«Non ho alcun segreto, Sam.» l’ironia nella frase di Winchester gli è sfuggita.
Il senso dell’umorismo non è mai stato nelle corde di Castiel, abituato fin da piccolo alla disciplina e all’obbedienza, per seguire un giorno le orme di suo padre e del padre di suo padre prima di lui, divenendo Auror. Non si è mai chiesto se possa fare altro nella vita, mai.
Sam scuote il capo e non se la sente di contraddire il ragazzo.
«Lascia perdere.» intima e china la testa per parlare con lui, quasi a volersi fare più piccolo e cancellare la differenza d’altezza che li divide. «Allora, hai finito per oggi gli allenamenti in solitaria o sei intenzionato a raggiungere la Via Lattea?»
L’hufflepuff guarda il cielo, sono poche le stelle che si specchiano nel blu dei suoi occhi. Ce n’è una che brilla più delle altre, la riconosce quasi senza sforzo, nonostante la propria carenza in astronomia. È più dotato nell’arte divinatoria dell’austromanzia, nell’ascoltare i bisbigli del vento o studiare il mutare delle nuvole; anche se è capitato si dilettasse a leggere i fondi del tea – ma ha smesso di provarci dopo aver confuso dei peli di puffola pigmea per residui di tea, terrorizzando Dean con l’avvertimento di essere inseguito dal Gramo.
«Ci ho provato una volta, ma sono caduto prima.» risponde, troppo serio perché Sam possa sperare che scherzi.
«Che?»
C’è una lunga pausa prima della sua risposta, in cui si volta completamente per sistemarsi di fronte al più giovane e scandire meglio le parole; ci sono una decina di centimetri di differenza, ma la posa severa di Castiel è quella di un adulto.
«Ci ho provato una volta, ma sono…»
«No, ho capito quello che hai detto. È solo che… non è… sai…» la frase di Sam muore troppo presto e il ragazzo stringe i pugni.
È abile con le parole – è un ravenclaw, ci si aspetta sia abile in tutto quello che riguarda l’uso della mente ed è esattamente così – ma le volte in cui si trova di fronte al Cercatore giallo-nero e ai suoi occhi (Dio, i suoi occhi!), quelle si incastrano sotto la lingua, intrappolando il senso che vorrebbe dare alle sue frasi. O la fine.
«Lascia perdere.» bofonchia ed è a quota due, in una manciata di minuti.
Castiel non sembra soddisfatto della risposta, ma non indaga, rispettando la sua volontà.
La scopa gli pesa con il manico contro la spalla, avvolta in un molle abbraccio e lui, nel silenzio dei propri pensieri, pesa con lo sguardo su Sam. Sono vicini, abbastanza perché il più grande possa distinguere il colore delle labbra sottili, di un rosa acceso che la lingua del ragazzo rende più lucido nel momento in cui scivola per leccarle, nervoso per quella vicinanza. È ovvio, ora, che le lamentele di Dean sulla violazione dei suoi spazi personali, non siano servite praticamente a nulla.
Sam si schiarisce la gola con un colpo di tosse, facendosi di un passo indietro in un movimento che ha l'ardire di voler apparire casuale, ma che urla all'imbarazzo da ogni angolazione.
Castiel non lo segue.
«Perché ci hai provato?» perlomeno può rallegrarsi di essere riuscito a pronunciare una frase di senso compiuto.
«Dean mi ha parlato dell'Isola che non c'è.»
«L'isola che non c'è?»
«Sì.»
«Quella del libro?»
«Quale libro?»
Non ci credo…
Sam nasconde il volto dietro ad una mano, soffoca un borbottio e qualche insulto contro il palmo e spia il volto dell'amico tra le dita. Non riesce a credere a quanto, quel purosangue, conosca poco del mondo babbano e del suo fascino.
È tenero, è una delle cose che gli sono piaciute subito di Castiel, perché gli ha permesso di passare più tempo con lui, ad insegnargli e mostrargli ciò che per un mezzosangue è invece la normalità, ma alle volte riesce proprio a rasentare il ridicolo.
«Cass, è una favola, non esiste alcuna Isola che non c'è e men che meno Peter Pan.»
«Le fate esistono, però.»
«Sì, ma quelle del libro non c'entrano niente con le creature magiche che si studiano qui ad Hog
«Oh.» soppesa le sue parole, senza apparire deluso o sorpreso e, dopo parecchio, annuisce, decidendo di dargli ragione.
«Ma, per curiosità, come pensavi di arrivarci?»
«Dean ha detto che avrei dovuto seguire la seconda stella a destra e poi dritto fino al mattino.»
«E?»
«Ci sono due stelle a destra di quella Polare, ho seguito la seconda.»
Esattamente come il mondo babbano, Castiel non smetterà mai di stupirlo per la sua assurdità e per la semplicità con cui gli spiega qualcosa che Seriously? Ma come diavolo sei sopravvissuto finora in questo modo? Si appunta anche di rimproverare Dean più tardi, per questa sua stupida leggerezza con cui avrebbe potuto ammazzare l’hufflepuff; una cosa del genere se la sarebbe aspettata da Gabriel, non da suo fratello!
Trattiene a fatica una risata e solleva gli occhi al cielo, alla ricerca della stella di cui parla l’altro. Non ha le capacità di Castiel, il suo ruolo in squadra è quello di Cacciatore e, quando l’altro gli si avvicina, lascia che sia lui a trovare la stella e indicargliela.
Quello che non si aspetta, però, è la presa ferrea delle sue mani, che si arrampicano inaspettatamente al proprio braccio, fino alla spalla, per costringerlo ad abbassarlo.
«Inginocchiati.» è un sussurro roco, ma ha il suono di un ordine.
«Eh?»
«Inginocchiati.» questa volta l’ordine c’è, raccolto in quell’unica parola, e Sam può già vedere nel ragazzo, l’Auror che sarà un giorno.
«…ok.» risponde, fidandosi di Castiel che lo conduce con le ginocchia sull’erba umida del campo. La sua presenza sparisce dalla propria vista quando gli si sistema dietro – dietro? – e quando il suo braccio gli circonda le spalle, tirandolo con decisione indietro, la propria schiena sbatte contro il petto dell’hufflepuff e si ritrova guancia a guancia con lui. La pelle di Castiel è fresca e i suoi capelli profumano di buono, hanno un odore che gli ha sempre ricordato quello delle giornate autunnali: di castagne, marshmallows e sempreverdi e, ora che lo circonda, è difficile rimanere impassibile e impedire al proprio corpo di scaldarsi, al sangue di scorrere più veloce e alla mente di divagare in fantasie adolescenziali.
E Novak continua a stargli addosso, invadendo ogni atomo del suo spazio personale, intrappolando il suo mento tra le dita sottili e muovendone il volto a proprio piacimento, per puntarlo in alto.
«Cass?» non aggiunge altro. C’è sottinteso un “che stai facendo?” ma Sam non è sicuro di riuscire a farlo suonare con la disinvoltura che vorrebbe avere in questo momento, in cui si sforza di non fargli capire che non c’è gesto di lui che lo abbia mai lasciato indifferente.
«È lì.»
Il Cercatore tende il braccio, indica la stella Polare e guarda il profilo di Sam, per assicurarsi che segua l’indice con lo sguardo e anche perché gli piace guardarlo da così vicino e riscoprire il volto arrossato e la fronte aggrottata nell’impegno di mantenere la concentrazione.
«Quella è Polaris.» gli bisbiglia addosso e non è normale che conosca il nome babbano della stella, eppure lo conosce e le lettere, insieme al suo fiato, si scontrano con la guancia di Winchester «E la seconda stella che le è accanto è, beh, la seconda stella a destra.»
Sam sorride ed ora gli sembra così naturale che si chiede perché non ci abbia pensato.
Si volta verso di lui, ammirandolo con gli occhi di nuovo sollevati al cielo; brillano di una luce nuova, di un fascino misterioso che sembra nascondere segreti in attesa di essere scoperti. Accade così spesso, di vederlo col naso rivolto all’insù, come se cercasse un modo per poter rimanere tra le nuvole e non essere più costretto a tornare coi piedi per terra che, alle volte, teme possa trovarlo davvero.
«Ti rendi conto che non ci saresti mai arrivato, vero?»
Castiel scrolla le spalle.
«Sì. Ma credo di aver avuto solo voglia di volare. Una destinazione valeva l’altra.»
«Castiel Novak, il tasso con la testa tra le nuvole.»
Per l'appunto.
Ma l’hufflepuff riabbassa lo sguardo e gli occhi blu sono più intensi e guardano Sam con l'intensità di punteruoli di ghiaccio.
«Non ho sempre la testa tra le nuvole.» borbotta.
«Hai ragione, scusa. Magari, però, la prossima volta potresti, non so, puntare a qualcosa di meno pericoloso.»
«Tipo?»
Sam si rialza, scrolla le spalle e non è sicuro di avere una risposta alla sua domanda. Gli andrebbe bene qualsiasi altra meta, purché non rischi di precipitare per raggiungerla, qualsiasi altra meta che sia più vicina, che possa raggiungere anche lui e in cui possano stare insieme.
Al diavolo!
Dà le spalle al campo, per puntare il dito verso le finestre della torre ovest, la stessa torre che ospita i dormitorio della casata dei Ravenclaw.
«Seconda finestra a destra.» è come gettarsi in picchiata su una scopa, ha solo bisogno di riempire i polmoni di coraggio e quello non gli è mai mancato – non sarà un gryffindor come suo fratello, ma è un Winchester e certe cose le ha nel sangue «Puoi rimanere fino al mattino.»
Castiel reclina il capo di lato, pensieroso.
«È una specie di dichiarazione?» chiede e, per Merlino!, doveva proprio chiederlo?
Sam spalanca lo sguardo, sente il coraggio che lo ha mosso ad esporsi tanto venire meno, sostituito da una crescente sensazione di panico e non c’è un centimetro del suo volto, del collo e delle orecchie che ormai non sia di un rosso acceso. Non si rende nemmeno conto del fatto che il più grande si stia gustando in silenzio il suo imbarazzo e trattenga un sorriso deliziato dietro alla propria curiosità.
Balbetta parole incomprensibili che, con un po’ di sforzo, si possono tradurre in un «S-sì, lo è… insomma, se per te è ok…»
E Castiel, questa volta, gli sorride apertamente.
La scopa è caduta da tempo ai propri piedi e le sue mani cercano quelle di Sam, per stringerle tra le proprie dita in un gesto intimo che racchiude tutto il loro rapporto. È tutto lì, costruito fin dalla prima volta in cui Sam gli ha teso la mano e lui l’ha stretta, fatto di tocchi gentili, casuali e altri molto meno casuali.
«Sam Winchester.» sussurra solenne, nel sollevare il mento in una posa fiera, in cui non sembra nemmeno il più basso tra i due «Anche tu mi piaci.»
«Da-davvero?»
«Sì. Perché dovrei mentire?»
«Non lo so, è solo che tu sei... tu... ed io invece… uhm… non lo so…»
«Sam?»
«Sì?»
«Credo che tu ora debba tacere.»
Ci pensa la sua bocca ad aiutarlo e non c’è nulla di più naturale del loro primo bacio, dell’esplorarsi con la curiosità della prima volta, fino a rimanere senza fiato e poi ricominciare, dimenticando tutto il resto.
Castiel tiene gli occhi chiusi per tutto il tempo, le braccia strette intorno alle sue spalle e il corpo premuto contro quello del più alto.
E baciare Sam è esattamente come volare.

 
 
Current Mood: crazycrazy
Current Music: Teenage Dream - Glee Version