?

Log in

No account? Create an account
 
 
20 January 2013 @ 03:11 am
[Team Free Folly] Me and the Hunter ~ Good morning  
Ho un botto di fanfic a cui dedicarmi e invece di quelle penso a scrivere siparietti marysuaneschi, lo so, ma quando uno ci prende gusto e viene, uhm, ispirato da una certa Guerra ai feels, chi ha più voglia di smettere? Ecco il motivo di questa minuscola... err... cosa.
Dedicated:to my feels. RIP. Err, no, scherzavo. Dedicato a rainstormgirl che mi ha ucciso con i suoi invii di fic a tradimento, senza neppure darmi il tempo di riabituarmi al cambio del jetlag! Ormai mi hai dato il via per questi minuscoli pezzetti di vita in compagnia di Winchester e dubito mi fermerò tanto presto, mwahahah!
I personaggi realmente esistenti appartengono a loro stessi; situazioni, location e quant'altro sono totalmente inventati. Supernatural e i suoi pg appartengono a chi di diritto.

L'alba sta per sorgere e non manca poco perché la sveglia suoni, ma ha calcolato tutto con la massima precisione ed è riuscito a sgattaiolare indisturbato nella tua stanza, con l'espressione vittoriosa e lo sguardo verde che tiene d'occhio tutto lo zoo di casa, prima di ritrovare la tua figura addormentata sotto le coperte.
E' proprio al letto che si avvicina, abbandonando qualcosa sul comodino, tornando a guardarti dormire, sorridendoti anche se non puoi vederlo.
C'è dolcezza in quella curva, una dolcezza affettuosa che di solito è molto più trattenuta nei tratti da duro&puro di Winchester, perché non gli piace che gli altri vedano le sue debolezze, perché è troppo virile per mostrare al resto del mondo quanto ti desideri e ti ami (non te l'ha ancora detto, non ne è ancora convinto, ma sa che quello che prova per te va oltre l'affetto che prova per Sam e per chiunque altro, quindi, se non è amore, che diavolo potrebbe essere?).
Allunga una mano verso il tuo volto, in una carezza leggera e per un attimo le tue ciglia hanno tremato, hai sentito il contatto caldo del suo palmo, le dita lunghe che sfiorano la tua pelle in un contatto piacevole e delicato. Non ti svegli, il cervello, anzi, ti sussurra di lasciarti cullare da quella tocco e tu sembri sprofondare in altri sogni che di sicuro riguardano il cacciatore.
Lui poggia la mano libera al materasso accanto alla tua testa e si piega in avanti, adombrando il tuo volto e coprendo la pochissima luce che filtra dalle persiane, finché le sue labbra non sono sulle tue, in un bacio lungo che permette ai tuoi sensi addormentarti di percepire la sua presenza, le sue labbra, la punta della sua lingua che ti carezza la bocca ed un intenso odore di cappuccino e croissant che sta invadendo la stanza.
Apri gli occhi. Inizialmente le immagini sono sfocate, il suo volto non è che una macchia confusa col soffitto, ma pian piano riesci a vederne i grandi occhi verdi (è divertente come anche adesso, appena sveglia, tu dia assolutamente ragione alle fan che lo paragonano alla Rapunzel del film disney), il naso dritto tempestato di lentiggini e le labbra carnose che si schiudono per te: «Good morning, sunshine.»
Ora sai come si sono sentite Biancaneve e Aurora, risvegliate dal bacio del principe azzurro: confuse, ammaliate e con un batticuore che hai paura possa sentire anche Dean, ancora sporto su di te, mentre la sua bocca cala nuovamente sulla tua.
«Oggi niente uni.» la sua affermazione sembra più un ordine.
«Non poss...» stai tentando di dire, quando lo sguardo ti cade sul comodino accanto al tuo letto e, tra l'imbarazzo e il cuore sciolto nel burro e spalmato sulla cassa toracica, riesci finalmente a capire da dove arrivava quell'odore di cappuccino e croissant.
Dean sorride soddisfatto.
«Oggi niente uni,» riprende «ti ho portato la colazione ed il minimo che puoi fare per ringraziarmi di quanto io sia adorabile, è rimanere con me.»
Dirgli di no adesso, sarebbe impossibile.
Sospiri e gli sorridi.
«D'accordo, fammi vestire almeno.»
Lui, però, ancora ti stupisce e tu lo sai, lo sai, che è una cosa che adora fare, per poter ammirare il rossore sulle tue gote e poi usare il tuo imbarazzo contro di te: prima che tu possa alzarti le sue mani premono contro le tue spalle, costringendoti a rimanere sdraiata tra le coperte.
«Easy, tiger, puoi rimanere con me anche nel tuo letto.»
Fregata. Su tutta la linea. Ma, quando vedi il sorriso illuminargli il volto al tuo cenno d'assenso, non te ne può importare di meno.
 
 
Current Mood: lethargiclethargic
Current Music: A drop in the ocean - Ron Pope