?

Log in

No account? Create an account
 
 
06 August 2012 @ 10:05 pm
[Supernatural RPS] To fall without falling  
Titolo: To fall without falling
Serie: Supernatural RPS
Character: Jared Padalecki, Misha Collins
Pairing: Jared/Misha {mishalecki - platonic}
Rating: NC-13
Gendre: Fluff
Prompt: 66. Perchè lo chiamano cadere @500themes_ita
Word: 816
Note: Questi due sono la perfezione, punto. Appena ho saputo che ci sarebbe stato un nuovo panel con Misha e che sarebbe stato di nuovo in coppia o con Jared o con Jensen, ho sperato nel potere della mishalecki... non poteva andarmi meglio. Ogni volta che quei due sono sul palco insieme, io mi sciolgo. Giuro, mi sciolgo. Sono bellissimi insieme e il momento in cui Jared si è buttato a travolgere Misha in un abbraccio [here] mi ha fatto commuovere e per qualche ora, il mio mondo è diventato un luogo meraviglioso fatto di pony ed alci glitterate, angeli del signore dalla voce profonda e pinguini volanti.
La fic si ispira proprio all'NJCon 2012 che c'è stato pochi giorni fa e prende spunto proprio da quell'abbraccio, rielaborandolo in chiave slash (si sapeva che finiva così, dai!)... e sì, l'ho anche reso un po' troppo fluffoso e stucchevole, ma mi hanno fatto troppa tenerezza quei due. E per una volta, stranamente, ho preso in considerazione anche l'esistenza delle famiglie dei due protagonisti.
Disclaimers: Gli attori appartengono a loro stessi purtroppo, la fic non vuole in alcun modo riportare i loro gusti sessuali e, visto che non conosco personalmente né Jared e men che meno Misha, quelli che descrivo sono solo la loro idealizzazione,
Fic scritta per la 500themes_ita
Tabella: Here



Gli scatti accecanti delle videocamere digitali.
Gli sguardi delle fans che non abbandonano il palco e le loro sedie (i loro corpi, con quell'onnipresente fastidiosa impressione che possano spogliarli da un momento all'altro, finendo per denudarli anche della loro dignità).
Le parole che gli scivolano via, rotolando una dietro l'altra in un racconto divertente di qualche sciocchezza del passato che non pensava di ricordare così bene (Era grasso da piccolo. Lo hanno picchiato qualche volta. Ma non per tutti doveva essere così divertente).
E poi la mano davanti al volto, a nascondere l'imbarazzo, a nascondere se stesso (Che cazzo sto dicendo?), con gli occhi che per un attimo hanno cercato quelli di Jared accanto a lui, in una silenziosa richiesta d'aiuto.
Precipita senza cadere, Misha, tra le risate che si accendono divertite davanti a loro, sotto i fari del palco che gli bruciano la pelle incollandogli la camicia azzurrina addosso e con la cravatta rossa a righe bianche che lo strangola. Odia quella cravatta, gli ricorda il Natale, tutti quanti, passati insieme alla famiglia e poi le telefonate agli amici, a casa di Jared con in sottofondo il pianto o le urla esagitate del piccolo Thomas e la voce di Genevieve. Odia quella cravatta e un po' odia anche Genevieve (Forse, però, odia più Jared, per averla sposata).
E intanto cade. Seduto su una sedia al centro del palco, cade, affonda e vorrebbe davvero sparire, per qualche minuto soltanto, per poi riemergere con qualche battuta sarcastica, magari di cattivo gusto, ma sufficiente a fargli da scudo, a tenerlo per un po' lontano dagli occhi del pubblico (Torniamo indietro, facciamo finta che non abbia mai parlato).
Cade con una risata beffarda. E nessuno se ne accorge.

Ha ascoltato stupito il racconto di Misha, riempiendo la stanza del suono della propria risata, che come al solito riesce a distinguersi da quella di chiunque altro, risaltando tra la folla (Alle volte è come se il mondo si fermasse per ascoltare la sua risata).
Le mani hanno giocato con il microfono per tutto il tempo (per impedirsi di allungarle verso l'uomo e toccarlo e tirarlo a sè e scrivere sul suo corpo il proprio nome e poi sorridere soddisfatto a tutte le sue fans, perchè capiscano che gli appartiene e che loro possono giusto desiderarlo da lontano).
Sono pochi attimi quelli il proprio sguardo si incrocia con quello di Misha. Lo ha sentito bisbigliare qualcosa (Mi sento un perfetto coglione) tra le dita che gli coprono la bocca, aprendosi sul volto e gli occhi che parlano gonfi di imbarazzo (Non lasciarmi cadere).
C'è stato un istante, breve quanto la nascita di un pensiero, e anche meno, in cui Jared ha esitato; una volta Misha gli ha detto che stare sul palco con lui è come stare sott'acqua in due, con una sola bombola d'ossigeno e guardarlo respirare dall'unico boccaglio a disposizione. Non gliel'ha mai spiegato, Misha, che quello che voleva dire, è che la sua presenza lo lascia senza fiato e il modo in cui parla con il pubblico e in cui ride con loro lo rapisce e, contemporaneamente. lo soffoca di gelosia.
Ma quando Jared lo vede cadere, incespicando nel silenzio, scatta verso di lui, su di lui (è pronto anche ad affogare per dare tutto l'ossigeno della propria bombola a Misha e riportarlo in superficie), in un abbraccio che lo nasconde al mondo per quattro lunghi secondi.
Sembrano pochi, ma non lo sono.

(Uno.)
Le braccia lo stringono, con forza virile, chiudendosi intorno alle sue spalle, troneggiando sul suo corpo (che è alto, che "I'm big too!", ma che accanto a quel gigante sembra così piccolo) e lo avvolgono in un abbraccio protettivo.
(Due.)
C'è il calore del corpo di Jared, l'odore forte della sua pelle, il frusciare della sua camicia contro quella di Misha, la sua guancia a strofinare contro quella ruvida dell'uomo (il suo affetto ad inondarlo, piacevole -bello- come la pioggia dopo mesi di siccità).
(Tre.)
Nell'esplosione di un coro femminile di "Aww", c'è la voce di Jared, più bassa, nascosta ai microfoni, che cola direttamente nel timpano di Misha (Tranquillo, Mishi, ti tengo io). Ed è vero, perchè lo tiene, lo tiene forte, lo abbraccia disperatamente, quasi fosse l'ultima cosa che gli rimane da fare prima di morire, lo abbraccia con tutto se stesso, dimenticandosi per quei quattro secondi di avere una moglie, un figlio, una famiglia (Per poter amare solo lui, per quattro secondi soltanto. Cosa sono, in fondo, in confronto ad una vita intera fatta di "finché morte non ci separi"?).
(Quattro.)
L'aria torna a riempire i polmoni che si gonfiano dolorosi quando Jared si allontana, tornando a sedersi alla propria seggiola e, per altri lunghi secondi, Misha continua a sentirsi al sicuro nel ricordo colpevole del suo corpo contro il proprio.
Sembrano pochi, ma lì, davanti ad una platea piena di sconosciuti, sono stati un'eternità.

E, ormai, ha smesso di cadere.

 
 
Current Mood: gigglygiggly