?

Log in

No account? Create an account
 
 
14 June 2007 @ 08:53 pm
Comeback  
Titolo: Comeback
Fandom: Full Metal Alchemist
Pairing: RoyxEd
Rating: PG
Prompt: 010. Anni
Conteggio Parole: 991
Note: Ambientato dopo Conqueror of Shambala. Non ricordo che fine abbia fatto l'orologio di Edo-kun, perciò invento v_v.
Riassunto:Alla fine, dopo tanti ripensamenti, era entrato in un bar e si era accomodato.
Solo due sedie circondavano il suo tavolo, una era occupata da lui e l'altra era vuota.
Meglio così. Non amava molto la compagnia, specialmente quella di sconosciuti e, se fosse stato fortunato, quella sera non ci sarebbe stato nessuno scocciatore.
"E' libero questo posto?"
Effettivamente non ci aveva mai creduto molto nella fortuna.
"No."
"Ok."
E capì che certa gente può essere proprio stupida oltre che irritante, specialmente un uomo che prendeva una sedia da un altro tavolo accomodandosi accanto a lui. Sorriso seduttore e occhi di cenere.
Già lo odiava.
Warnings: shounen ai, what if, spoiler (praticamente inesistente)
Tabella: BDT Taisa

Un semplice tonf e lo sentì poggiare il bicchiere sul tavolo, davanti a lui.
Ne ricercò il volto con la coda dell'occhio, scivolando sul disegno di un sorriso sarcastico che, di primo acchito, trovò irritante.
"Offro io." gli venne detto. Semplicemente e senza particolar intonazione, facendola sembrare una frase come tante e non un modo per cercare di abbordarlo.
Idiota.
Come se lui non lo avesse capito.
Non era un ragazzino.
Non più.
"Non bevo schifezze." si limitò a dire tornando a guardare il posto vuoto di fronte al suo.
Era stato solo fino a quel momento e non poteva affermare che la cosa gli fosse dispiaciuta. Tutt'altro.
La compagnia a volte lo seccava.
"E' whisky." insistette l'altro, con fare offeso per il modo in cui aveva descritto il liquore che aveva ordinato anche per sè e che si stava dedicando a far scorrere giù per la gola, sentendo quel piacevole bruciore che presto sarebbe svanito.
Durava sempre troppo poco.
"Lo so anche io cos'è."
"Oh, davvero?"
L'occhiata che gli lanciò questa volta affondò dritta nelle polle vitree e corvine dei suoi occhi.
Se le sue iridi dorate fossero state delle lame lo avrebbero come minimo reso cieco e poi gli avrebbero squarciato il cervello. Un colpo di netto e via.
Che fortuna che gli occhi siano solo occhi.
"Allora dimmi tu cosa vuoi." tentò di nuovo, quasi ingenuamente visto l'espressione seccata che gli regalò l'altro, più giovane di parecchi anni.
"Che tu la smetta di rompere, per esempio. Potrebbe essere un buon inizio."
Emise un fischio acuto a quell'uscita.
"Ahi, ragazzo, così ferisci il mio orgoglio."
"Per quel che me ne frega."
La sedia strusciò rumorosamente sul pavimento quando l'uomo si tirò indietro, alzandosi. Rassegnato.
Portò una mano, guantata di bianco, alla tasca. Per farlo spostò indietro il lembo di una divisa blu, liberando la catena argentata di un orologio da taschino. Due per la precisione. Due catene per due orologi.
Ne prese in mano uno, premendo col pollice sulla molla che fece scattare il coperchio, aprendolo.
Le lancette nere erano immobili su un quadrante bianco.
Sembravano fissarlo attraverso il vetro e ridacchiare sfrontate e svogliate, senza alcuna intenzione di compiere il proprio dovere.
Segnavano le sette e quarantatre. Lo avevano sempre fatto da che gli era rimasto in mano, due anni prima.
Sul retro del coperchio era stata incisa una frase.
"Don't forget. 3 Oct 10."
Lo poggiò sul tavolo, accanto ad un bicchiere riempito di whisky.
Il ragazzo non si sprecò nemmeno a guardarlo.
"Non mi serve più ormai."
Fece spallucce, lasciando l'orologio dove lo aveva messo.
"Allora fanne quello che vuoi, non c'è motivo per cui lo tenga io."
Si allontanò senza fretta dal tavolo, reinfilando la mano in tasca e camminando verso l'esterno del locale dove l'inverno sembrava piegare al suo volere ogni cosa su cui posasse le proprie mani: gli alberi privi ormai delle loro foglie e dai rami rinsecchiti, le strade coperte di neve calpestata che sporcava la città di Central, le abitazioni dalle porte ghiacciate e le finestre congelate.
Il campanello della porta suonò alla sua uscita.
Si strinse nel soprabito.
Il campanello suonò una seconda volta e lui sorrise senza voltarsi a controllare di chi fosse il braccio che si era stretto attorno al suo, mentre nuvolette bianche di fiato si gonfiavano da una bocca non sua.
Una mano si mosse infilando qualcosa nella tasca del suo soprabito.
Un orologio d'argento dalle lancette ferme.
Si fermò ad osservare il volto giovane incorniciato da qualche ciuffo biondo sfuggito alla coda, cercando di studiarne l'espressione.
Il ragazzò sbuffò.
E lui vi ritrovò i tratti del quindicenne di tanto tempo fa, così infantile eppure già così forte.
Era cresciuto anche lui, comunque.
E si era perfino alzato di qualche centimetro.
"Ne faccio quello che voglio." affermò il biondo con tono secco e deciso. Il solo che mai fosse uscito da quella bocca impudente ed irrispettosa "Infatti voglio che lo tenga tu."
Lo vide stringersi di più al suo braccio, ricercando il calore del suo corpo.
"Era quello che volevo sentire." ammise l'uomo con un sorriso beffardo e compiaciuto, attirando una boccaccia da parte dell'altro.
Sfilò il proprio braccio lontano da quello del ragazzo e godette della sua espressione delusa, nell'attimo prima in cui usò lo stesso braccio per circondarne le spalle, ancora troppo esili rispetto alle sue.
"Quanti anni hai ora?"
"Diciotto."
Rimase in silenzio per un paio di secondi prima di mostrare un sorriso largo e malizioso che nulla aveva di casto o di innocente.
"Finalmente maggiorenne. Ora non c'è più pericolo che vada in galera se ti porto a letto."
Il ragazzò coprì una risata con la mano.
"Pervertito come sempre."
"Due anni sono pochi per cambiarmi così radicalmente." Ammiccò tirandolo più a sè.
"FullMetal." lo chiamò poi, con un nome che non era più suo.
"Sì?"
"Se te ne andrai ancora non ti aspetterò più."
Edward Elric alzò il volto verso gli occhi opalescenti dell'uomo, osservandone come il nero della pupilla andasse schiarendosi mano a mano che si avvicinava al bulbo bianco, rendendo l'iride di un colore molto simile al piombo. Un colore pesante, soprattutto da sostenere.
Tuttavia non distolse lo sguardo.
Con l'auto-mail scorse al suo collo afferrandone il capo a palmo aperto e lo tirò verso di sè.
Non era mai stato lui ad alzarsi per togliere ogni distanza tra loro e arrivare all'altezza dell'altro.
Era sempre stato l'uomo a doversi abbassare.
E lo aveva sempre trovato giusto così.
"Non c'è più motivo perchè io me ne vada."
Il suo alito sfilò per primo tra le labbra dell'altro, poi giunsero le sue di labbra a premere per un bacio e la sua lingua che ne ridisegnava umida i contorni e piano si gustava il sapore della bocca dell'uomo.
"Ora ho tutto ciò che voglio."
 
 
Current Mood: distresseddistressed
Current Music: Lonely no more - Rob Thomas
 
 
 
papiliostreet on June 15th, 2007 05:38 pm (UTC)
Le tue royed, quanto le amo! *__* Molto bella questa, ha alcune frasi che mi sono piaciute particolarmente, tipo "[...]osservandone come il nero della pupilla andasse schiarendosi mano a mano che si avvicinava al bulbo bianco, rendendo l'iride di un colore molto simile al piombo. Un colore pesante, soprattutto da sostenere." Non so, è poetica... mi è piaciuta molto. Oppure "[...]sentendo quel piacevole bruciore che presto sarebbe svanito. Durava sempre troppo poco." Anche questa non so perchè mi ha colpito... mi è piaciuta e basta. Forse è quella malinconia in sottofondo.

Ho solo un rimprovero ò__o. Quando dici "Che fortuna che gli occhi sono solo occhi." Mi suona male. Non credi che sia più corretto dire 'Che fortuna che gli occhi siano solo occhi.' oppure 'Per fortuna gli occhi sono solo occhi.' Mi pare 'italianamente' più corretto :)

Cmq ribadisco che è un'ottima one-shot. Ma da te me l'aspettavo ;)
Brava!
Caith Vision: FMA -RoyEd- comfort ||by _graphicx||caith_vision on June 15th, 2007 08:23 pm (UTC)
Ah, ti amo*__*! Ci sono rimasta un casino di tempo a chiedermi perchè quella stupida frase mi suonasse così male>__< ! Lo sapevo io che avevo coniugato male il verbo*___*""" *si sente tremendamente scema*
Comunque grazie mille per la dritta, la correggo subito^^! E grazie mille per i complimenti, mi sento in tremendo imbarazzo... ma non per questo non ne sono felice, ecco >///< !