?

Log in

No account? Create an account
 
 
22 July 2018 @ 10:17 pm
[Crimson Peak] Love is a dream in exile  

Characters: Thomas Sharpe; Edith Cushing; Alan McMichael { nominated };
Pairing: Thomas/Edith; riferimenti alla Alan/Edith;
Rating: PG-14;
Genre: angst;
Words: 275
Warning: het; post-movie;
Prompt di: Loki Kinney Crimson Peak: Thomas/Edith con Edith che ripensa a Thomas dopo anni dal suo viaggio.
Scritta per:
La giornata supernatural / horror della 7 Days of Summerland @We are out for prompt

666 prompt per essere come il diavolo Challenge indetta da Arianna.1992 sul forum di efp – prompt: 154. "I silenzi non sono tutti uguali, ognuno urla in maniera diversa"


Thomas vive tra le crepe dei muri incrostati di ogni casa abbandonata, come un sogno esiliato dalla mente. Vive tra gli scricchiolii sinistri di lunghe gradinate di legno o tra assi marce di un pavimento polveroso, nel gracchiare di grossi corvi neri o tra i bisbigli del vento d’inverno che odora di neve ed eternità.
È in quei momenti, quando il ricordo di lui riemerge, che Edith cammina ad occhi chiusi; non osa guardare per paura di un pugnale piantato nello zigomo spigoloso dell’uomo e di mani insanguinate e femminili che la inseguono brandendo lame d’ascia.
Di fantasmi non ne ha più incontrati da allora, dai giorni trascorsi a Crimson Peak. Non le hanno più parlato, non da quando Thomas è morto e ha trascinato con sé la sua Lucille.
Lo sa, Edith, che le ha salvato la vita. Ma quando la notte è sola nel proprio letto, tra coperte che odorano di lei e di Alan, lo spettro di Thomas torna a farle visita.
Con le mani strette intorno alla propria camicia da notte, le gambe piegate al petto e i capelli dorati sparpagliati in una corona di grano sul cuscino, Edith strizza gli occhi e prega perché la propria mente smetta di ingannarla.
Non c’è nessuno insieme a lei.
Solo pioggia che dalla finestra aperta le bagna il volto e si deposita in una carezza gentile sulla sua guancia.
Solo lampi che schiantati in lontananza ululano il suo nome.
Solo Thomas che seduto alla sponda del suo letto, piange lacrime di sangue, perch’è incapace di lasciarla andare e le manca – oh, se le manca, quanto il sole sulla pelle e la vita dentro al petto.
Edith si lascia vincere: riapre gli occhi. Ed ogni volta, nulla accade: gli spettri tornano a nascondersi – è il silenzio, allora, a tormentarla.