Caith Vision (caith_vision) wrote,
Caith Vision
caith_vision

[Captain America] La perla dell'oceano

Character: James Buchanan Barnes; Steve Rogers; Shuri { nominated }; Sam Wilson { nominated };
Pairing: Steve/Bucky { stucky }
Rating: PG
Genre: fluff; sentimentale; fantasy;
Words: 1.541
Prompt di: Heartbreakerz von Krieg MCU, Steve/Bucky — Merman!AU con tritone!Steve chiuso in gabbia in uno zoo e Bucky, ladro di cose preziose, ha bisogno di una perla nascosta nel suo acquario. (Bonus: Bucky, dopo i primi incontri-scontro con Steve, lo aiuta a trovare un piano per scappare via. Bonus²: a inizio fic, Steve è in versione pre-siero.)
Warning: slash; mermaid!au; pre-siero!steve;
Disclaimers: i personaggi appartengono a chi di diritto.
Scritta per:
La giornata fantasy della 7 Days of Summerland @We are out for prompt


L’arpione è un fischio nel buio che sfreccia e si aggancia alla cancellata. Un pulsante schiacciato e il cavo si riavvolge, trascinandolo in alto senza alcun intoppo – i giocattoli di Shuri, d’altronde, non lo hanno mai tradito.
Lo slancio è un volo di qualche metro che termina oltre il cancello. Bucky vola, cade e, come un gatto, si raddrizza per atterrare in punta di piedi e zaino sulle spalle sulla cima di vetro di una delle gabbie che riempiono quell’ala dello zoo.
Ad accoglierlo soltanto il silenzio, ma dopo un salto così, non si può biasimarlo quando allarga le braccia e si inchina a ricevere applausi immaginari. Anche i ladri hanno bisogno di essere apprezzati di tanto in tanto.
Nessuna delle guardie dello zoo si trova nei paraggi, è ora di sfamare i leoni nell’ala ovest, ben lontani dalla zona acquatica delle vasche e degli acquari. È proprio su uno di questi che è atterrato, sul vetro rinforzato che fa da tetto a una scenografia di coralli, conchiglie giganti e perle finte. Tra tutte, però, ce n’è un’unica vera – bianca, splendida e lucente, come una luna in miniatura –, esposta nel piccolo scrigno spalancato sul fondale. Per quanto meravigliosa, ha sempre trovato esagerato esporla in una teca di vetro alta tre metri e larga quattro (c’è perfino una targhetta con la didascalia “La perla dell’oceano”), ma è lì per rubare, non per giudicare.
Si inginocchia poggiando lo zaino sul tetto di vetro, iniziando ad estrarre l’attrezzatura.
È allora che qualcosa, sotto i propri piedi, cattura la sua attenzione. Due occhi azzurri lo fissano curiosi; quando si rende conto che non è il riflesso dei propri, scatta indietro spaventato, dimenticandosi del bordo.
La caduta questa volta è rovinosa, il contatto duro col terreno gli toglie il fiato e il dolore è così lancinante che Bucky teme di essersi rotto qualcosa. Non sa come riesca a sollevarsi in piedi e recuperare lo zaino caduto con lui, sa solo che deve scappare e andarsene il più in fretta possibile, prima che qualcuno lo scopra.
Non riesce comunque ad evitarsi di voltarsi indietro. L’ultima cosa che vede, prima di sparire nella notte, è un corpo minuto immerso nella teca e una coda immensa.

Bucky torna dopo qualche settimana, guarito da ogni ferita.
È dovuto tornare.
La notte sogna di occhi azzurri come il cielo e una coda squamosa dai riflessi blu come il mare e deve scoprire cosa diavolo ha visto o non se ne darà pace.
Quando le guardie terminano il loro giro e l’acquario rimane incustodito, Bucky si avvicina, questa volta dal basso.
Non li ha immaginati, gli occhi azzurri ci sono davvero, così come la coda.
«Da dove… come… non ci credo…» Si strofina gli occhi, ma quello che vedeva prima, lo vede ancora: c’è qualcuno immerso nell’acqua che schiude sottili labbra rosa corallo buttando fuori bolle d’aria e parole fischiate in una lingua che non è umana.
Aveva creduto fosse un ragazzino, ma a guardarlo meglio potrebbero avere la stessa età. Il fisico, però, appare così minuto che Bucky potrebbe infilarselo in tasca e rapirlo insieme alla perla… se non fosse per una coda infinita che da sola occupa metà della teca.
«Sei reale?» Lo chiede alla creatura, ma anche a se stesso.
Oltre il vetro, gli occhi di cielo lo fissano in silenzio.
«Ok, facciamo così: se sei reale batti un colpo contro il vetro.» È ovvio che stia scherzando – qualsiasi cosa si trovi davanti, non può essere reale – ma gli occhi di cielo sembrano guardarlo con una certa nota di biasimo, ruotano verso l’altro e, infine, una mano piccola e palmata batte un colpo contro il vetro.
«Gesù!» Bucky scatta con un salto indietro. «Ca – capisci quello che dico?»
Un altro colpetto al vetro.
Il cuore gli sale in gola.
Avanza di nuovo, annienta ogni distanza e schiaccia la fronte al vetro. L’acqua distorce le immagini, arrotonda quello che in realtà è un corpo fatto di spigoli, con spalle strette e muscoli acerbi; sul collo sottile vede aprirsi branchie e, al posto delle orecchie, ci sono membrane verde acqua accarezzate da capelli biondi come il grano.
«Wow…» mormora. Se quella è la vera Perla dell’oceano, allora la vuole per sé.
Di colpo, però, la creatura batte una mano al vetro – colpi agitati, che riflettono l’ansia del suo sguardo – e indica alle spalle di Bucky.
Il fascio bianco di una torcia che si sta dirigendo nella loro direzione chiude la serata.

La sera seguente Bucky si presenta nuovamente all’acquario della Perla dell’oceano.
La creatura è di spalle, poggia contro un angolo della teca e si stringe in un abbraccio. Sembra così minuscolo e così fragile, ora, che Bucky vorrebbe poter rompere il vetro, eliminare ogni barriera tra di loro e abbracciarlo fino a sentire le sue ossa conficcarsi nelle proprie.
Invece lo chiama piano, sfiorando il vetro. È sufficiente quel gesto perché la vibrazione si riverberi nell’acqua come un richiamo e la creatura si volti di scatto, sorpreso.
Bucky non è sicuro di come funzionino le emozioni con quel tipo di “essere”, ma gli sembra di scorgere un lampo di gioia.
Poi, però, la creatura scioglie l’abbraccio al proprio busto e gli nuota incontro a indice spiegato e rimbrotti fischiati, qualcosa che gli ricorda una pentola a pressione o l’avviso di una teiera quando l’acqua è abbastanza calda.
Bucky ha l’atroce dubbio che gli stia facendo una paternale. «Sul serio? Io vengo a trovarti e tu mi rimproveri? Si può sapere che cos’avresti tanto da lamentarti, ancora non ho fatto niente!»
La creatura incrocia le braccia al petto. Nonostante la figuretta che, se solo fosse (del tutto?) umana, probabilmente arriverebbe a malapena alla spalla di Bucky, così impuntato non gli sembra più tanto fragile.
Bucky sorride. «Non ce l’hai un nome, amico?»
L’indice palmato della creatura scivola sul vetro. Segna le rotondità di una “S” al contrario, le stanghette di una “T”, per tracciare il nome Steve.
Bucky dubita sia il suo vero nome, quasi certamente gliel’avrà dato il proprietario dello zoo per avere un modo semplice con cui chiamarlo ma, in fondo, quella semplicità di suono, quella familiarità americana, gli piace. «D’accordo, Steve. Io sono Bucky.»

Le visite si susseguono.
Bucky ha dimenticato il motivo iniziale che lo ha spinto a intrufolarsi la notte in uno zoo. Sam gli ha dato dell’incapace, non ha creduto alla storia del tritone (è stata Shuri a chiamarlo così) e si è convinto che sia una scusa per coprire il suo fallimento; ma finché può passare del tempo con Steve, non gli importa.
E poi questa volta è venuto preparato.
Arriva dall’alto: arpione, anfibi dalle suole antiscivolo, guanti e attrezzatura nello zaino.
Riprende da dove ha lasciato la prima volta, tagliando il vetro e aprendo un buco abbastanza grande perché possa infilarvici una persona.
Quando si sporge a guardare oltre il bordo, l’odore di acqua dolce lo investe e Steve è una scheggia marina che nuota fino ad emergere dall’acqua. È esattamente come quel cartone della disney (o quasi): il suo (che non è davvero suo) piccolo sirenetto fa forza sulle braccia per tenersi sollevato, tira indietro la testa e i capelli biondi schizzano acqua in faccia a Bucky.
Lui ride e Steve… dio, Steve gli è così vicino che può sentire perfino il suono dei suoi pensieri.
«Hey.» Lo saluta.
Steve lo guarda a bocca schiusa. È arrossito – crede. Ed è la cosa più bella che Bucky abbia mai visto, mentre lo guarda schiudere la bocca e assaggia parole che non ha mai pronunciato fuori dall’acqua. Quello che ne esce è un gemito senza suono, un’acca aspirata e un po’ fischiante che si incastra male tra i timpani di Bucky e li fa dolere.
Basta poco perché Steve aggiusti il tiro. «Bh… bu… ck… y…» e la prima parola che pronuncia è proprio il nome dell’umano, cosa che gli fa scoppiare il cuore di gioia.
Steve gli sorride e Bucky allunga una mano verso di lui, con il bisogno di toccarlo e sentire sotto le sue dita la consistenza morbida dei suoi capelli e la pelle liscia e umida del volto. Ha aspettato così tanto questo momento, che ora che può finalmente toccarlo, l’idea di doversi separare di nuovo da lui lo uccide.
«Voglio portarti via con me.» la confessione arriva naturale come lo schianto di un fulmine.
Steve gli stringe la mano e stranamente le sue dita palmate non sono viscide come si era immaginato, ma si incollano alla sua pelle con piccoli schiocchi delle ventose che gli costellano il palmo.
«Non… non essere… stupido…» zoppica un po’ nella lingua, anche se l’insulto arriva forte e chiaro. «Se dovessero scoprirti… non so cosa ti… farebbero…»
«Gesù, Steve, sei un guastafeste!» È una rivelazione a cui segue una risata divertita e le braccia dell’umano che trovano posto intorno alle spalle del tritone. Lo stringe a sé e non gli importa del rischio di cadere nel buco della teca o di essere scoperto, non ora che respira il profumo d’oceano dalla pelle di Steve e incolla il petto contro quello piccolo e nudo dell’altro. «Ormai ho deciso e non c’è nulla che tu possa dirmi per farmi cambiare idea: ti libererò Stevie, vedrai.»

Quando Bucky torna, è pronto a mantenere la sua promessa.
Tags: [7 days of summerland], [challenge], [oneshot], [waofp], fandom: captain america, pairing: stucky
Subscribe
  • Post a new comment

    Error

    Anonymous comments are disabled in this journal

    default userpic

    Your reply will be screened

  • 0 comments