?

Log in

No account? Create an account
 
 
27 May 2016 @ 04:29 pm
[Cowt!Verse] Strawberry fever  
Characters: Ilyas; Gavriil; Metacomet dell'Incanto {nominated};
Pairing: GavriilxIlyas {oneside};
Rating: PG
Genre: slice of life; fluff;
Words: 373
Prompt: Frutti; 11. Fragola;
Warning: slash; cowt!verse;
Disclaimers: I personaggi sono stati creati dall'illustre trinità di landedifandom.
Ilyas e Gavriil invece sono miei.

Scritta per l'iniziativa Sette giorni e tanti prompt @Torre di carta

Gavriil le ha rubate dalle tavole imbandite dei Generali, con il sorriso briccone di un bambino, anche ora che gli anni sono passati e il peso della spada fa di lui un uomo. A manciate ne ha buttate nel risvolto della maglia e, quando è balzato oltre la finestra delle stanze di Ilyas, il danno era già stato fatto: una macchia rossa si era aperta sulla divisa. Rossa come gli occhi spalancati del Capitano delle Guardie. Rossa come le sue labbra carnose schiuse in una smorfia di sorpresa. Rossa come l'impronta dei propri denti quando ha affondato il morso alla sua gola.
«Che... che... che diavolo...»
Ilyas balbetta, una mano stretta all'elsa della rapière e l'altra intorno alla vita di Gavriil, nel sostenerlo quando gli piomba addosso. Ma la bocca del Comandante è calda e umida contro il proprio collo e, all'improvviso, non sa più contro chi combattere, se contro chiunque abbia ferito Gavriil o se contro i brividi che gli scorrono lungo la schiena. L'odore intenso di fragole e la sensazione di umido e appiccicaticcio, però, sono un buon suggerimento.
«Fragole?» gli domanda il Comandante, rimettendo le distanze, più vivo che mai.
Ilyas guarda lui e poi quel poco che è rimasto di una manciata di fragole spremuta nella divisa. Si trattiene dall'impulso di toccarsi il collo, dove è rimasto il marchio di Gavriil; non gli chiede un perché, si lascia bastare il fatto che appartenga all'esercito di Metacomet e che manifestazioni di quel genere sono normali - è Ilyas quello anormale.
«Hai di nuovo rubato il cibo dei Generali?» domanda invece. Ha il tono maturo del rimprovero, lui che ha ancora il volto dell'adolescenza «Avrebbero potuto beccarti.»
«Nah, erano occupati con la Veggente. Lo sai quanto è brava ad attirare l'attenzione.» scrolla le spalle, Gavriil, sorride e raccoglie tra le lunghe dita una delle fragole che si sono salvate, premendola alle labbra di Ilyas «Ed ora mangia»
Lui non le ha ancora assaggiate, ma le immagina dolci quando la spinge nella bocca di Ilyas e le dita si bagnano della sua saliva, la immagina succosa quando i denti dell'albino affondano nella polpa e mordono anche lui, la immagina squisita e vorrebbe rubarla ancora, ma questa volta direttamente dalle labbra del Capitano.