?

Log in

No account? Create an account
 
 
03 October 2015 @ 07:58 pm
[Once upon a time] Dream a little dream of me  
Characters: Jefferson; Emma Swan;
Pairing: JeffersonxEmma { madswan };
Rating: NC-14
Genre: Introspettivo; sentimentale; triste;
Words: 275
Warning: au;

Prompt di: Gaia Riddle Gold ~ Jefferson/Emma: Mani che si cercano, occhi che si fissano, ricordi che si uniscono e due bambini che li richiamano alla realtà (Henry e Grace)
Scritta per l'UST Day della Winter is Coming Week @We are out for prompt


I sogni sono creazioni bastarde.
Jefferson vi cade e quel che vede sono riccioli biondi e il corpo sinuoso di una donna.
{ Dove ti ho già vista? }
Emma vi cede e quel che sogna sono occhi acquosi e le mani tese di un uomo.
{ Perché mi guardi come se sapessi ogni cosa di me? }

I sogni sono trappole infami.
Jefferson li attraversa e annulla ogni distanza con la donna; le accarezza il dorso di una mano, la stringe nella propria e insieme ballano, tra vestiti che si fanno di troppo e occhi che non vogliono abbandonarsi.
{ C'era una volta un Cappellaio Matto e la sua Salvatrice. }
Emma li segue e si lascia cullare tra le braccia dell'uomo; respira su di lui l'odore di una foresta inesistente, gli strappa un bacio e con lui danza, tra sospiri pesanti e l'urgenza di avere di più.
{ Ho già sentito questa storia. Non dirmi come finisce, non voglio saperlo. }

I sogni sono destinati ad aver fine sempre troppo presto.
«Papa!»
Accade nell'istante in cui la vocetta di una bambina in lontananza lo chiama a sé: gli occhi di Jefferson si spalancano e lui torna solo, con sua figlia ed un coniglietto di peluche nella casa tra i boschi.
«Emma!»
Accade nel momento in cui la voce di un bambino la cerca e urla il suo nome: gli occhi di Emma vengono feriti dalla luce e lei si scopre sdraiata tra i cuscini del divano di casa, con suo figlio che la guarda dalla porta e un grosso libro di favole tra le sue braccia.
«Cosa stavi sognando?»
«…non me lo ricordo.»