?

Log in

No account? Create an account
 
 
13 September 2015 @ 05:11 pm
[Sense8] Sulla pelle, tra le dita  
Characters: Will Gorski; Wolfgang Bogdanow; Lito Rodriguez
Pairing: WolfgangxWillxLito;
Rating: NC-17
Genre: Introspettivo; Erotico;
Words: 412
Warning: au; slash; pwp; threesome;

Prompt di: Donatella Ceglia ~ Sense8, Wolfgang/Will/Lito, Au in cui si incontrano effettivamente per la prima volta e si abbandonano a... p0rn.
Disclaimers: I personaggi di Sense8 appartengono a chi di diritto.
Scritta per il Porn Day della Winter is Coming Week @We are out for prompt


Il primo { reale } contatto fisico con un sensate ha l'intensità di un orgasmo e Will fatica a rimanere dritto in piedi, quando la mano di Wolfgang lo afferra al colletto della maglia, per tirarlo contro di lui. Il tedesco lo fa con la violenza di chi non conosce nient'altro (anche se sanno entrambi che non è vero e Will ha visto e sentito la dolcezza delle sue carezze, quando a riceverle è la pelle bronzea di Kala) e il dispetto degli Opposti, che prima si attraggono e poi si respingono in un gioco infinito.
La sua bocca è fredda contro quella di Will, bagnata di pioggia, come gli abiti di cui si già liberato.
È nudo, ma non è l'unico.
L'erezione di Lito spinge contro i jeans di Will; alle sue spalle, l'attore lo ha imprigionato in un abbraccio solido, caldo, in cui le sue dita gli danzano addosso e si uniscono tra le sue gambe. Sente gli abiti scottare in ogni punto in cui si preme il corpo dei due, sente la stoffa strofinarsi sulla pelle ed arrossarla, sente la bocca di Wolfgang che sa di birra, di sangue, delle botte di un padre e dell'odio di un figlio e sente la bocca di Lito che sa di cucina raffinata, di bugie dolci, bugie amare e di sesso.
E ci sono mani ovunque: affondano tra capelli biondi, si aggrappano a cosce tornite, slacciano jeans, si incrociano ad altre mani e si spingono con due dita tra i glutei di Will.
E – santo dio – ci sono bocche ovunque: contro il collo di Will, sulla spalla di Lito, lungo la schiena di Wolfgang, finché Will non sa più se sia il tedesco ad aver appena spinto l'erezione dura e pulsante tra le proprie labbra o è lui ad essere affondato in quell'umido calore che è la sua bocca. Gli sembra di essere costantemente in tre posti diversi – davanti, al centro, dietro – e le sensazioni, i gemiti, il piacere dell'uno si mescolano con quelle degli altri, alimentandosi a vicenda.
È qualcosa di speciale (Lito ha sempre avuto ragione), qualcosa che istintivamente il corpo e la mente di Will rincorrono, riempiendosi di ogni vibrazione della gola di Wolfgang che si riverbera sull'asta del proprio membro e di ogni spinta di Lito, quando l'attore gli entra dentro.
L'orgasmo { quello vero } li lascia tutti e tre senza fiato. Appagati. Completi. Pesci fuor d'acqua che stanno finalmente reimparando a respirare.
 
 
Current Mood: amusedamused