?

Log in

No account? Create an account
 
 
26 February 2015 @ 10:54 pm
[Captain America] Al di là di un telescopio  
Characters: James Buchanan Barnes; Steve Rogers;
Pairing: StevexBucky {stucky - implicit};
Rating: PG
Genre: Introspettivo; Slice of life;
Words: 604
Prompt: Fandom!AU
Warning: slash; au {OUAT!verse};
Disclaimers: I personaggi di Captain America appartengono a chi di diritto, così come l'ambient di Once Upon a Time.
Scritta per la 6° Settimana del Cow-t5 @maridichallenge

Il telescopio si sposta in un gemito metallico puntando su una delle strade di Storybrook. Lentamente, segue la schiena di un uomo dai capelli biondi; Bucky respira al ritmo dei suoi passi: ispira quando muove la gambe destra, espira con la sinistra e ad ogni passo è come se il proprio cuore gli venisse calpestato.
Con una mano allenta il nodo alla sciarpa, senza però togliersela nemmeno in casa con il riscaldamento acceso i ventidue gradi nella stanza. Non ricorda l'ultima volta che è rimasto senza, a parte quando si abbandona sul letto, per lasciarsi trasportare dal sonno, lontano da quella città maledetta, di nuovo nel suo – loro – mondo, in cui l'uomo biondo si ricorda ancora di lui e ancora lo ama.
«Steve...» mormora in un sussurro disperato. Non c'è nessuno in quella casa con lui, solo il silenzio, i ricordi che lo stanno facendo impazzire – perchè, in un'intera cittadina, lui è l'unico a ricordare? Perché non ha potuto dimenticare anche lui? – e decine di cappelli a cui manca la magia.
Si preme con forza contro il telescopio, sente le ossa del cranio scricchiolare e, istintivamente, la mano si tende oltre la finestra, in uno stupido tentativo di raggiungere il corpo dell'uomo, troppo lontano anche solo per accorgersi di lui. Ma, quando meno se l'aspetta, l'uomo si ferma di scatto e si volta, sollevando gli occhi proprio nella direzione da cui Bucky lo spia.
E' impossibile che lo veda. E' impossibile...
Eppure, davanti allo sguardo azzurro di Steve - lo stesso Steve, che in un altro mondo vestiva da principe e combatteva con una spada, lo stesso Steve che in un altro mondo si presentava ogni giorno, puntuale, sulla strada per raggiungere il mercato, offrendosi di comprare da lui tutti i funghi che sua figlia era riuscita a trovare - Bucky spalanca entrambi gli occhi e si getta indietro con il busto, per poi lasciarsi ricadere con le ginocchia a terra, cercando rifugio al di sotto della finestra.
Si sente un idiota, non c'è alcuna possibilità che l'uomo lo abbia visto, ma il proprio cuore non ha intenzione di ridiscendere la gola che ha risalito e tornare a battere nel petto.
Con calma, Bucky si ritira in piedi, allunga le mani tremanti al telescopio e vi si china.
Sulla strada, Steve è ormai sparito, entrato nel piccolo appartamento che ha comprato insieme a Peggy Carter, accanto all'edificio scolastico in cui la donna insegna.
Chiude gli occhi, abbandonando il telescopio ed indietreggiando, fino a trovare il tavolo alle proprie spalle, a cui si appoggia per non cadere di nuovo.
Se solo potesse dimenticarsi di lui, sarebbe tutto più facile da sopportare...

Ma, quando, in un pomeriggio d'autunno - esattamente un giorno dopo da quando l'orologio di Storybrook ha ripreso a scandire il tempo - il campanello suona e il trillo riecheggia nell'enorme casa vuota, Bucky non riesce a credere ai propri occhi.
Sulla porta, Steve lo guarda incuriosito.
«Scusami, ieri ti ho visto uscire dal negozio di ottica e venire in questa direzione, così ho pensato che potessi abitare da queste parti.» gli sorride in imbarazzo, concedendosi una lunga pausa in cui spera di ricevere una qualche reazione da parte dell'altro.
Bucky lo guarda in silenzio e non è nemmeno sicuro che stia ancora respirando.
«Non... non volevo spaventarti.» lo avverte Steve, non senza un certo impaccio «Ma non riesco a togliermi dalla testa un pensiero: per caso ci conosciamo?»
E dopo una vita passata a parlare a nessuno o a file di cilindri, dopo ventotto anni passati a guardare l'uomo da lontano, Bucky torna a parlargli.
«...sì...»
 
 
Current Mood: accomplishedaccomplished
Current Music: Ayano no koufuku riron - Mekakucity Actors