?

Log in

No account? Create an account
 
 
13 December 2008 @ 08:44 pm
[Fanfic] In memory of || Capitolo 01  
Titolo: In memory of
Fandom: Katekyou Hitman Reborn
Capitolo: 01
Rating: Nc-14
Character: Takeshi Yamamoto, Hayato Gokudera, Tsunayoshi Sawada
Pairing: 80x27x59
Prompt: 17.Cuscino
Word count: 3.385
Riassunto: Se ci penso, fin dall'inizio siamo sempre stati noi tre. Ed ogni volta con un cuscino soltanto.
Momenti e Ricordi immortalati in scatti fotografici. Pensieri ed emozioni intrappolati nell'Eternità di un attimo. Tre ragazzi e tre modi di dire la stessa cosa: vi amerò per sempre.
Solo che Sempre non esiste.
Note: Stupido capitolo. Ci ho messo un sacco di tempo per riuscire a scriverlo e a finirlo ed alla fine non è neppure uscito come voglio io >_>! In ogni caso la mia pigrizia mi impone di non metterci più mano o come minimo finirà che mi deciderò a chiuderlo tra un altro paio di mesi e non mi pare il caso, sono già abbastanza lenta di mio XD.
Warning: spoiler, shounen ai, troisome, death
Tabella: HDT 80x27x59
Un letto e tre persone.
Un cuscino a cui affondavano tre teste. L'argento mesciato nel castano, il castano sparso insieme al nero.
Un materasso singolo e lui nel mezzo.
Schiacciato tra corpi più grandi di lui, in un intreccio di braccia e gambe in cui soffocare piacevolmente.
Gli occhi chiusi, il respiro trattenuto.
Fingeva di dormire.
Ogni notte.
Nell’attesa che Hayato si sporgesse verso la sua fronte, sfiorandone la pelle candida con le labbra umide e Takeshi lo stringesse più forte a sé, facendo aderire completamente il proprio petto alla sua schiena più esile.
Ognuno da una parte.
E lui nel mezzo.
Come un bambino al sicuro nel lettone del genitori, abbracciato e coccolato dai suoi eroi, protetto e vegliato in un abbraccio che aveva il profumo della pelle dei due Guardiani.
Attendeva paziente, tremando di piacere le volte che le dita di Gokudera gli sfioravano le cosce o quando il mento di Yamamoto affondava tra i suoi capelli e la mano sinistra si apriva completamente al suo addome, al di sotto del pigiama, con la pelle che toccava altra pelle ed il calore del suo corpo che andava aumentando.
Attendeva finchè entrambi i Guardiani non cadevano vittima del sonno.
Soltanto allora apriva gli occhi, uno alla volta, spiando prima il volto del Guardiano della Tempesta, sempre di fronte al proprio, poggiato vicinissimo sul cuscino; il suo respiro gli sbatteva in faccia, il suo naso sfiorava il proprio. Si girava, nel silenzio delle ombre e dei raggi di luna, incontrando il volto di Takeshi che bisbigliava nel sonno il nome di lui, in un suono simile a quello sottile che provocava Shigure ogni qual volta la sguainava.
Li guardava dormire.
Solo questo.
Sdraiato in un letto minuscolo, con il calore dei corpi di Hayato e Takeshi abbracciati al proprio, Tsunayoshi era felice.
~Click~
Capitolo 01.Un cuscino per tre
[30 days before Death]
Burocrazia.
Un essere detestabile che riempiva le sue giornate di tediosità.
Sospirò stancamente per la terza volta in un'ora, poggiando la stilografica sulla scrivania riempita di plichi, carte da lettera costose e timbri ormai usurati. Si erano ritrovati a combattere una sorta di guerra fredda con i Millefiore, era assurdo rischiare la vita di qualcuno perchè facesse rifornimento di cancelleria da ufficio, c'erano cose ben più importanti a cui pensare e di certo poteva fare a meno di un timbro con il marchio della Famiglia Vongola.
Le dita si portarono distrattamente dietro la nuca, passando tra i capelli castani cresciuti fin oltre le spalle.
Erano anni che li lasciava crescere, avevano raggiunto ormai il fondoschiena ed erano diventati più che altro un impiccio, ma per tagliarli avrebbe dovuto chiedere il permesso di Reborn.
Sorrise.
Era una vecchia storia, ormai.

"Ma non puoi costringermi!"
"Scommettiamo?"
"Ma... ma... Reeebooorn!"
Il Serial Killer aveva scosso annoiato il capo assottigliando lo sguardo che poi era affondato come un pugnale di petrolio ghiacciato negli occhi preoccupati di lui, Tsunayoshi Sawada, Decimo Boss della Famiglia Vongola.
"Riesci ad essere DameTsuna anche adesso che hai ventidueanni, dovresti vergognarti." lo aveva rimproverato l'uomo -sì, uomo; erano cresciuti tutti, Reborn compreso, riuscendo a riottenere indietro la sua vera età, altezza e tutto quello che concerneva l'aver di nuovo ventisei anni o poco più-.
DameTsuna aveva abbassato lo sguardo ingoiando ogni lamentela e l'uomo gli aveva tirato nuovamente i capelli. Sembrava che quel giorno si divertisse particolarmente a torturare quella sua cascata castana che sfiorava appena le spalle.
"Se hai qualcosa da dire, parla DameTsuna, non ho voglia di perdere inutilmente tempo a cercare di tirarti fuori le parole di bocca."
Tsunayoshi era cresciuto, era diventato un boss rispettabile, aveva iniziato a mandare avanti nel meglio il proprio Quartier Generale e ad allargare la propria Famiglia.
Tsunayoshi era il più forte, più dei suoi Guardiani, anche più di Kyouya, sì!
Ma se c'era qualcuno che riusciva a fargli venire i brividi ogni qual volta scivolasse alle sue spalle, comparendo come fosse stato un fantasma, principe di una dimensione più oscura e pericolosa, era l'Hitman.
"Hiiii!" aveva urlato il giovane, cercando di scrollarsi di dosso quella sensazione sinistra che il solo essere fissato dal tutor gli procurava "Reborn, non puoi fare così, non è giusto!"
"E chi me lo impedirà?"
"Hiiii! Ma perchè devi sempre spaventarmi?!"
"Perchè è divertente." aveva semplicemente affermato, in una tranquillità disarmante.
"Ma... ma... ma i miei capelli cosa c'entrano? Voglio tagliarmeli, è estate ed io ho caldo!"
"Umpf, non è una cosa che mi riguardi. Li taglierai quando ti darò io il permesso."
"Ma perchè?"
"Perchè sembra ti diano fastidio e se riuscirai a superare anche questa difficoltà diventerai più forte."
Tsunayoshi lo aveva capito da subito, era bastata una semplice occhiata all'espressione annoiatamente inalterata del Killer e lo aveva realizzato: quel maledetto Hitman gli aveva rifilato la prima scusa che gli era saltata alla mente ed in realtà voleva obbligarlo a farsi crescere i capelli fino a nuovo ordine così, perchè non aveva nulla di meglio da fare che creargli problemi!
Non era cambiato niente tra loro due: lui poteva essere diventato il Boss più potente del Mondo mafioso, ma Reborn era ancora il petulante tutor in miniatura che si divertiva a terrorizzarlo con le sue follie.
"Comunque, se preferisci fare a modo tuo non hai che da sconfiggermi."
Era l'ultima cosa che avrebbe fatto Tsunayoshi, non solo perchè combattere senza un reale bisogno non era mai stato nel suo carattere ma, soprattutto, perchè la canna della pistola dell'uomo premeva già contro la sua tempia e sulle labbra era già nato un sorriso mefistofelico.
Certe cose non sarebbero mai cambiate.


"Adesso non potrò più tagliarmeli, eh, Reborn?" bisbigliò a nessuno in particolare, poco prima che la porta del suo ufficio si spalancasse di colpo e un uragano in abito scuro facesse il suo ingresso.
"Juudaime!"
Aveva riconosciuto ancor prima che urlasse il volto di Hayato, incorniciato da capelli che erano di un colore straordinariamente chiaro: non erano biondo scuro come quelli di Dino o dorati come quelli di Belphagor-kun. I capelli di Hayato erano d'argento ed i suoi occhi smeraldini.
Di certo comunque non era quello con i capelli più strani, prima di lui c'era Chrome-chan.
E Mukuro.
C'era. Per l'appunto, tempo passato.
Mukuro era stato sconfitto.
Reborn era morto.
E chissà cos'altro li aspettava.
"Hayato, perchè sei così agitato?"
Senza rendersene conto si era alzato in piedi, aprendo le mani sulla scrivania e protendendosi con il busto in avanti.
Prima che potesse rispondere alla domanda, il Guardiano si era fermato all'improvviso e nello sguardo era passato un lampo che il Boss dei Vongola imputò semplicemente al carattere impetuoso dell'uomo, non a caso era stato scelto per essere il Guardiano dell'Anello della Tempesta.
"Quel maledetto..." sibilò Smoking' Bomb, irrigidendo i muscoli e stringendo i pugni. L'espressione si era fatta improvvisamente più dura ed i lineamenti del volto erano contratti in una smorfia irritata che ricordava i tempi in cui Lambo ed I-Pin giocavano a rincorrersi e al ragazzo toccava proteggere il Decimo Vongola dalle bombe a mano che volavano per casa.
"Quell'idiota di un Bovino ha di nuovo fatto esplodere l'ala ovest! Ti prego, dammi il permesso di cacciarlo fuori dalla Tenuta! Anzi, riempio una delle sue corna di polvere da sparo e gliela faccio ingoiare dandogli fuoco, così finalmente avrà un motivo serio per far esplodere l'Head Quarter della Famiglia Vongola!"
"Alla fine è davvero colpa di Lambo-kun..." sospirò Tsunayoshi.
Hayato addolcì di colpo l'espressione per rivolgere uno sguardo incuriosito verso di lui.
"Hai detto qualcosa, Juudaime?"
"Ehmm..." iniziò vago "Stavo solo pensando che forse non dovresti prendertela così a cuore, in fondo si sta allenando duramente per migliorare la sua Elettrico Corrida. Dovremmo cercare di sostenerlo."
"Oh Juudaime, tu sei troppo buono!"
Il Guardiano della Tempesta si era avvicinato alla scrivania, raggiungendola in un paio di veloci falcate che gli permisero di ergersi di fronte al giovane, specchiando l'immagine di lui nelle proprie iridi e poggiando le mani al di sopra delle sue, più piccole ma sempre straordinariamente calde.
"Ma questa volta non posso proprio perdonarlo."
Le dita si strinsero intorno a quelle di Tsunayoshi e con aria grave Hayato continuò, senza mai distaccare lo sguardo.
"Ha distrutto parte della sala di musica e... e... e la tua stanza..." la voce gli tremò, per un attimo Tsunayoshi ebbe il timore che si sarebbe messo a piangere, invece si riprese subito e rizzandosi in piedi gli diede le spalle urlando contro un nemico immaginario "Quell'aho ushi ha osato distruggere la stanza di Juudaime! Maledetto bastardo!"
Si volse nuovamente di colpo, aggirando la scrivania e poggiando entrambe le mani alle spalle più esili di lui, tirandolo appena verso di sé.
"A questo punto non c'è nient'altro da fare!"
"Che vuoi dire?"
"E' naturale, l'unica soluzione è che tu, Juudaime, dorma con me, nella mia stanza!" nulla sarebbe riuscito a scalfire la sua sicurezza.
"Ma... ma non è necessario..."
"Sì invece, non posso permettere che il Decimo Boss della famiglia Vongola dorma in una stanza che è stata appena attaccata, chissà quali pericoli si celano tra quelle quattro pareti!"
"Guarda che non è stata attaccata e poi..."
Si fermò.
Aveva incrociato lo sguardo di Hayato, era stato imprigionato da tutte le sfumature di verde dei suoi occhi e di colpo qualcosa aveva attraversato il cervello, come una scintilla unita al calore improvviso del suo corpo e al cuore che martellava più rumoroso nel petto.
Aveva ricordato quando, più immaturi ed inesperti -o forse semplicemente più giovani-, Gokudera gli aveva chiesto la stessa cosa.

"Ehm.. Gokudera-kun, ecco... io dove dormo?"
Non era stata la prima volta che aveva accettato l'invito del ragazzo a passare la notte a casa sua, aveva pensato che fosse una villa troppo grande per una persona soltanto, ma di solito c'era una stanza sulla sinistra adibita per gli ospiti.
Dopo cena, dopo i soliti litigi tra Yamamoto ed Hayato che sgridava il compagno per essersi autoinvitato ed essere come al solito di troppo, dopo il bagno caldo che il Guardiano della Tempesta aveva preparato personalmente, Trunayoshi aveva raggiunto la stanza, aprendone la porta.
Era tutto come ricordava, con l'enorme letto a baldacchino nel mezzo, dalle coperte azzurro cielo.
Hanno il colore della tua anima. Era sfuggito ad Hayato la prima volta che gli aveva mostrato la camera, prima di cominciare uno sproloquio nevrotico per cancellare l'imbarazzo di essersi lasciato troppo andare.
Sulla sinistra le tende erano raccolte da nastri di seta blu che le spostavano ai lati di una porta-finestra dai doppi vetri e sulla destra un'armadio gigantesco occupava la maggior parte della parete.
Era tutto come ricordava, tranne un particolare.
E quando si era voltato per cercare il padrone di casa, lo aveva trovato alle proprie spalle, con l'aria colpevole di un bambino scoperto a rubare la marmellata ed un cuscino stretto tra le braccia. Quel cuscino era esattamente ciò che mancava alla stanza degli ospiti.
"Ju... Juudaime..." lo sentì appena, mentre aveva iniziato con un sussurro sottile e terminava con una sbrodolata di parole tutte attaccate l'una all'altra "tipregodidormireconme."
Tsunayoshi aveva sbattuto le palpebre, cercando di capire cosa gli fosse appena stato detto, ma la comparsa di Yamamoto li aveva interrotti.
"Ohè, Tsuna, che ne dici di fare come al campeggio delle elementari?"
"Ma perchè sei sempre tra i piedi, yakyuu baka?"
"Ahahahah, gomen-gomen, cercavo l'altra stanza degli ospiti e mi sono perso!"
"L'altra stanza degli ospiti non è per te, è riservata a Juudaime!"
"Infatti la cercavo proprio perchè c'era Tsuna, ahahaah!"
"Maledetto, che volevi fare?!"
"Te l'ho detto no? Volevo proporgli di fare come quella volta al campeggio, è stato divertente! Eh, Tsuna?"
Lui non aveva risposto, era impegnato a cercare qualsiasi altro discorso purchè non fosse quello del campeggio ed agitare nervosamente le braccia per fargli segno di non proseguire.
"Faceva talmente freddo quella volta che Tsuna bagnò il suo letto!"
"Yamamoto!"
Troppo tardi.
Yamamoto aveva già fatto la spia.
"Ed alla fine siamo finiti a dormire nello stesso sacco a pelo!"
"Tu... Tu... tu e Juudaime... nello stesso..."
Takeshi aveva annuito, Hayato era caduto in ginocchio sconfitto dalla precocità del giocatore di baseball e Tsunayoshi aveva desiderato sparire per la vergogna.
Poi, non si sa come, si erano ritrovati tutti e tre nello stesso letto, gli uni stretti all'altro, mentre il suo cuore non gli dava tregua ed il volto andava a fuoco.
Non era stato divertente, come aveva detto Takeshi.
Era stato Bello.


"D'accordo." concesse, in un sorriso che Smoking' Bomb definì divino.
Gli sorrise di rimando, muovendo il primo passo in direzione della porta, ma subito dopo il corpo fece dietro front e le proprie braccia si alzarono per circondare il corpo del proprio Boss.
"Ti amo, Juudaime." pronunciò le prime due parole in un perfetto italiano, terminando con un bacio tra i capelli di lui.
Non c'era più imbarazzo nei gesti di Hayato.
Diventare uomo significava anche prendersi la responsabilità dei propri sentimenti.
"Da... daisuki mo."
Specialmente se erano ricambiati.
"Mhmmmm." sembrò che il Guardiano gli stesse facendo le fusa "E mi ami più di quello yakyuu baka?"
"Ha... Hayato." pigolò lui, con voce lamentosa. Anche crescendo non aveva perso certe intonazioni che soltanto un fifone come lui poteva possedere.
Hayato sciolse l'abbraccio a malincuore, si abbassò e posò le labbra a quelle del Decimo Boss, in un bacio lieve che ebbe subito termine.
"Ho deciso, sarò magnanimo con il Bovino." annunciò il Guardiano, mentre lui sorrideva contento di sentirglielo dire.
"A proposito..." apparve imbarazzato quando ne ricercò nuovamente l'attenzione, con un sorriso sforzato "Si chiama Elettrico Cornata, non Corrida. Quella è una parola spagnola."
"Eheheh, mi confondo sempre."
Se non fosse stato così non sarebbe stato da Juudaime, probabilmente.
Lo baciò ancora, ancora e ancora, finchè non divenne naturale respirare direttamente nella bocca di lui, cibarsi dei suoi ansimi e mischiare la propria saliva con la sua.
E poi ricominciare a baciarlo.
Soltanto la presenza di qualcuno, entrato senza nemmeno bussare, lo spinse a smettere, per volgere la propria attenzione alla porta.
"Sawada Tsunayoshi." chiamò l'intruso, serafico e gelido come d'abitudine.
"Hibari!"
"Ah... Hibari-kun..."
"Umpf, ti avverto, se mi farai perdere tempo ti morderò fino alla morte. Caccia l'erbivoro e dimmi perchè volevi parlarmi."
"Ehy tu, quante volte ti devo dire che devi portare rispetto a Juudaime?!"
Lo sguardo di nero fumo di Kyouya abbracciò l'interno della stanza, spaziando velocemente sulla mobilia, superando con una feroce prepotenza la figura di Hayato per affondare direttamente nelle polle nocciola del Decimo Vongola.
"Ehy, ma mi stai ascoltando maledetto?!"
Ancor prima della voce del Guardiano delle Nuvole, arrivò il freddo metallo dei suoi tonfa puntati al collo di Smoking' Bomb.
"Mi stai infastidendo, erbivoro."
"Smettetela voi due."
Era stato inaspettato, come ogni volta che il giovane si metteva tra loro, dividendoli e regalando sguardi di disapprovazione traditi dalla naturale dolcezza dei suoi occhi nocciola.
Tsunayoshi si era infilato nel mezzo della discussione, una mano aveva stretto l'estremità del tonfa di Kyouya e l'altra il polso di Hayato. Si soffermò su quest'ultimo, sorridendogli poco dopo.
"Hayato, vai pure. Per favore."
"Ma..."
"Ti prego."
"Nh... Come desideri, Juudaime."
Attese che fosse uscito prima di rivolgersi all'altro Guardiano, senza mai far sciogliere il sorriso appena nato.
"Mi avevano detto che saresti stato via sino alla prossima settimana, mi fa piacere che tu sia tornato, Hibari-kun."
"Sawada Tsunayoshi tieni per te i convenevoli. Mi cercavi, sono tornato, ora dimmi perchè."
Kyouya non aveva bisogno dei suoi tonfa per colpire.
Bastava un'occhiata.
Una parola.
"Non vuoi accomodarti?"
"No. Parla."
E chiunque rantolava ai suoi piedi soffocato dal terrore che incuteva.
"D'accordo." il giovane Boss abbassò lo sguardo, raccogliendo le idee prima di tornare a guardare l'uomo e di colpo il suo sorriso scomparve.
"Ho preso la mia decisione e ho pensato di parlarne prima con te, perchè sei l'unico che... non proverà a fermarmi."

Poi era arrivata la sera, preceduta dal tramonto.
La notte.
E l'alba di un giorno nuovo.

L'estate era la sua stagione preferita. No, forse la primavera in cui i ciliegi fiorivano e tutto sembrava meno caotico e più delicato.
L'inverno invece non faceva per lui.
Era pigro. Sempre stato. Così come era sempre stato freddoloso e l'idea di doversi alzare dal letto e privarsi del calore delle pesanti coperte per cadere vittima degli spifferi e del gelo invernale, non gli era mai andata a genio.
"Ancora cinque minuti." borbottò una voce alla sua sinistra, divorata in gran parte dal materasso in cui il volto di Takeshi era affondato, scivolando dall'unico cuscino.
Tsunayoshi sorrise, spingendosi maggiormente contro l'uomo che la notte precedente lo aveva seguito, mentre scivolava nella stanza di Gokudera.
"Argh, yakyuu baka, sei di nuovo salito in ascensore con Juudaime senza il mio permesso..." ringhiò nel sonno un'altra voce alla sua destra e quando lui tentò di mettersi sul fianco, per evitare di rubare spazio ai due guardiani, le dita dell'altro si impossessarono della stoffa del suo pigiama, all'altezza del petto, tirandolo con prepotenza a sé. Gelosamente.
Per quanto le giornate si riempissero di impegni, iniziavano e terminavano con loro tre insieme. Sempre.
Si accoccolò meglio tra i due, fingendo che fosse tutto come al solito.
Erano così rari i momenti in cui un'apparente calma si sostituiva alla tempesta che, alla fine, l'unica cosa a cui riusciva a pensare era quanto sarebbero durati, quando avrebbero dovuto ricominciare a combattere per difendersi dall'odio innato dei Millefiore e quando avrebbe seppellito un altro dei suoi amici.
Sentì improvvisamente freddo.
"Tsuna...?"
"Juudaime..."
Si erano svegliati.
Soltanto quando le dita di Takeshi e Hayato ne sfiorarono la pelle del volto si rese conto di non essere stato in grado di trattenere le lacrime.
Scattò a sedere, asciugandosi gli occhi in fretta ed alla bene e meglio, nascondendosi dietro una risata forzata a cui nessuno dei due Guardiani credette.
Hayato scivolò fuori dal letto, per poi salire sul materasso ed inginocchiarsi di fronte a lui, mentre Takeshi si metteva a sedere a sua volta, circondandogli entrambe le spalle con il braccio e facendogli poggiare il capo alla propria spalla.
"Ehy, finirà prima o poi, lo sai, vero Tsuna?"
La voce del Guardiano della Pioggia si era fatta leggera, era stato come venire accarezzati dalle gocce di una pioggia di primavera, riscaldata dai raggi di un sole accecante.
Annuì, frusciando con la guancia contro la pelle nuda dell'uomo, segnata da cicatrici più o meno profonde che si era provocato durante gli allenamenti o contro gli avversari affrontati. Era passata un'eternità da quando il suo unico sogno era quello di giocare a baseball e diventare il numero uno del Giappone.
"Vedrai, riusciremo a vincere anche questa battaglia, te lo prometto, Juudaime."
Le labbra di Hayato erano calde quando si posarono alla fronte di Tsunayoshi.
Chiuse gli occhi, piegando gli angoli della bocca in un debole sorriso.
Annuì ancora, questa volta più convinto.
C'erano momenti in cui Takeshi e Hayato riuscivano perfettamente a leggere nei suoi pensieri, interpretando ogni sua espressione, scacciando ogni sua paura. Ed altri, in cui non si rendevano che il suo terrore più grande, quello che la mattina lo spingeva a starsene tra le loro braccia cinque minuti in più, solo cinque minuti in più, era quello di perderli.
Non avrebbe retto alla vista dei loro nomi incisi su di una lapide grigia.
"Rimaniamo a letto. Ancora cinque minuti, vi va?"
"Anche tutta la mattina se vuoi."
"Tsè, certo, tanto per quello che fai tu potresti startene a letto anche tutto il giorno!"
"Sentito, Tsuna? Hayato propone di starcene a letto tutto il giorno, per passare un po' il tempo potremmo... beheee..."
"Aha, Ta... Takeshi, aspetta... aha... se mi spogli ho freddo... Almeno fammi sistemare meglio sotto le coperte!"
"Non travisare le mie parole, Maniaco! Ah... Ju... Juudaime, non vorrai davvero... Oddio, ma come diavolo fai a spogliarlo sempre così in fretta, yakyuu baka?!"
"Si vede che sono portato! E, a proposito, tu mi sembri troppo vestito."
"Sembri sempre più maniaco!"
Risero.
Tutti e tre.
Al caldo sotto le coperte che sarebbero rimaste su quel letto per poco; poi tra baci, carezze e gemiti le avrebbero perse chissà dove, cadute sul pavimento.
Tsunayoshi si protese per allacciare le braccia intorno al collo dei due Guardiani, ora vicini e chinati su di lui, che lo guardavano con lo stesso sguardo di adorazione di un fedele davanti al proprio Dio.
Inspirò a fondo l'odore della loro pelle.
Cinque minuti.
Solo per altri cinque minuti, rimaniamo dove posso sapervi al sicuro.

-prashebook-
Aho ushi = Stupid cow
Juudaime = Tenth
Yakyuu baka = Stupid baseballman
Daisuki mo = I love you too

 
 
Current Mood: blahblah
Current Music: Dear Angel - April Sixth
 
 
 
Nodoka: Zero no Tsukaima - Tiffanianodoka92 on December 14th, 2008 10:21 pm (UTC)
Io ti AMO çAç
Questo capitolo è semplicemente divino.

Mentre leggevo, lanciavo qualche occhiata alla freccia in parte alla pagina pensando "Ti prego, fà che ce ne sia ancora!"
magari è da idioti parlare al proprio pc accusandolo di tutti ma è quello che ho fatto xD In particolare, è successo dopo l'introduzione.
E' una cosa stupenda, dove "cosa" sta per "qualcosa che non riesco a descrivere a parole" (Sono sempre stata impedita ad esprimermi, sia a voce sia scrivendo <.<' )

Tanto che, mentre leggevo, ho cambiato il sottofondo musicale tanto per creare più atmosfera. (La scelta è comunque caduta su 'Back to Life' , ma non importa questo dettaglio :look:)


I personaggi sono tremendamente IC ç_ç Ed adoro il sottile filo drammatico che permane in tutta la fic.

Ma anche le parti più serene.
Yamamoto ce lo vedo benissimo a spogliarli tutti e due in quel modo u_u


(Comunque, l'immagine del cuscino è tanto carina X3)